The Scene: Support the Italian underground music!!!

Billy The Kid - Jonestown [2010]

Posted: giovedì 30 settembre 2010 by Lou Cipher in Etichette: , ,
0

Genere: Hardcore, Metal, Hip-Hop
http://www.myspace.com/btk506


I Billy The Kid sono forti. E' inutile girarci troppo intorno.Il loro lavoro poliedrico è divertente da ascoltare perchè spazia tra vari generi che si fondono a quello che è l'hc metalloso di ultima generazione, difatti sono presenti brani puramente hip hop o post hardcore con intramezzi melodici ben congeniati,cavalcate spezzate da break mosh per far felici tutti, dai kids della youth crew ai rapper. Sono sempre stato un purista del suono hc old e new school, ma devo dire che se una cosa è fatta bene, significa che merita veramente. Ottima prova per questi ragazzi sud americani che stanno affrontando un tour in Germania con svariate date, indice che questa band ha i numeri per sfondare, e se continua così lo farà molto presto.

Pinolo HC
Tracklist
  1. Jim Jones
  2. Jonestown
  3. Timothy McVeigh
  4. FDL 13
  5. Ed Gein
  6. Unabomber
  7. Bohemian C
  8. Ted Bundy
  9. Makaveli
  10. Rockefeller
  11. Tookie
  12. Davidians (Ft. Pete from xBishopx)
  13. xTresxEquizx
  14. Freddy Spaepen

Report concerto Misfits 19/09/2010 Alpheus - Roma

Posted: mercoledì 22 settembre 2010 by Lou Cipher in Etichette: , ,
0

Eccomi qui come promesso, anche se con qualche intoppo causato dalla rottura del mio pc (stò usando quello di un mio amico), a raccontarvi quella che è stata la serata del 19 all'Alpheus di Roma che vedeva come protagonista la leggendaria Horror Punk Band "The Misfits"!!!
Allora,diciamo che mi aspettavo un pò più di creste (in tutto erano una decina) e soprattuto qualche veterano con qualche annetto in più (era pieno di giovani leve,ma qualche volto rotato da anni di concerti in più non avrebbe guastat) ma anche qualche "bimbadarkdellasituazione" in meno. La serata è riuscita benissimo, l'atmosfera c'era e tutti aspettavamo con ansia l'arrivo di Jerry con il resto della truppa, basti pensare che non appena è salito il prmo gruppo di supporto a suonare sul palco sono cominciate a volare bestemmie e cori che chiamavano i Msfits fuori sul palco... Dopo ciraca un'oretta e due band spalla, finalmente l'inferno si scatena con un intro che vagamente ricorda la musica di "Profondo Rosso" del Maestro Dario Argento (ma vabè son dettagli) che termina con l'inizio di un pogo distruttivo sotto le note di "Halloween" e che non si interrompe nemmeno per un attimo per tutta l'ora e mezza di concerto in cui la band non si risparmia e sfodera una parte del meglio del loro repertorio, attingendo a piene mani (nella prima parte del concerto) ai pezzi dell'era Danzig,per poi passare ai pezzi dell'era Graves ed infine anche un paio di pezzi apparsi nell'ultimo LP della band "Land Of The Dead" ed un pezzo nuovo di zecca mai apparso su incisione intitolato "Monkey Paw" (che ho anticipato nel post scorso). Anche Dez era in forma,infatti ha tributato la sua vecchia band Black Flag con qualche pezzo, quelli che ricordo erano "Six Pack", "Thirsty And Miserable" e "Rise Above"... Dopo 33 pezzi il caro Jerry ci ha concesso 3 bis concludendo con la leggendaria "Die,Die My Darlyng" al termine del quale ha strappato le corde del suo basso (gesto fico,ma alla fine a che è servito?) mandando in estasi i più giovani tra i presenti. Devo ribadire che il pogo non si è fermato per un solo istante, causandomi varie contusioni del quale sono felicissimo, si vedevano pezzi di corpi umani volare da tutte le parti, e fortunatamente non c'erano transenne a bloccare l stage diving. L'unico momento in cui si è temuto il peggio è stato quando uno dei giovani si è fatto lanciare sul palco ed ha tentato l'avvicinamento di Jerry.. inutile dire che il bassista si sia inferocito e ha preso a calci (senza prenderlo però) il kids malcapitato... Deve essere una brutta esperienza ritrovarsi a scappare per mezzo palco da un energumeno come Jerry che ti insegue con l'intento di causarti tanto di quel dolore fisico da farti passare la voglia di rifarlo con chi che sia per il resto della vita... Qualcuno si è lamentato delle troppe scene di Jerry, ma quel qualcuno non sa che le mosse sono parte dello show e che senza di queste si perde metà del divertimento... Comunque grande serata e grande concerto,... Per chi pensava si fossero rammolliti, dovrà ricredersi dopo questa!

Pinolo HC

Misfits new single "Monkey Paw" live!!!

Posted: venerdì 17 settembre 2010 by Lou Cipher in Etichette: ,
0

Essendo oggi il mio compleanno mi voglio fare un regalo e voglio farlo a anche a voi, presentandovi il nuovo brano dei Misfits che apparirà sul prossimo album della band, e che per ora è presentato nei vari live in giro per il mondo e sembra riscuotere dei buoni riscontri tra i fan. Personalmente mi sarei aspettato qualcosa di più movimentato,perchè questo sembra un pezzo che potrebbe stare benissimo in quello che è l'album "Project 1950" affianco a pezzi come "Latest Flame" o "This Magic Moments", ma a me piace e poi i Msfits "o li ami...O LI AMI", quindi godetevi la canzone in anteprima! Spero piaccia anche voi!!!

Pinolo HC


video

Zombie Hunter - The Cataract Composite [2010]

Posted: mercoledì 15 settembre 2010 by Lou Cipher in Etichette: , ,
0

Genere: Melodic Hardcore, Hardcore
http://www.myspace.com/zombiehunte

Quando si hanno in mano dischi come questo sorge spontanea una domanda: perchè gruppi di merda vanno avanti e gente che ci sa fare rimane nell'oblio? Io non riuscirò mai a farmene una ragione. Gli Zombie Hunter sono uno di quei gruppi che grazie a band come My Chemical Romance o Yellowcard, che sfornano la canzoncina che fa breccia nel cuore del tenero emo di turno ma che poi se si guarda nel complesso l'intero lavoro ci rendiamo conto di ascoltare una vera e proprio cagata di disco (e non me ne sbatte niente se hanno fatto anni di gavetta,per come la vedo io sono anni buttati nel cesso visti i risultati), rimarranno nell'oblio e la cosa mi infastidisce. Il disco che ci propongono è un ottimo lavoro,ben arrangiato,ben registrato e si sente la passione e la tenacia che hanno messo i giovani californaniani,dove (come sempre ormai) non si ascolta nulla di nuovo,ma è nulla di nuovo veramente da gustare a tutto volume. Ci si aspetterebbe un disco così dai veterani del calibro Millencolin e simili (tutti gruppi che inspiegabilmente si sono dati al tanto in voga "garage/post punk" premendo violentemente sul freno), eppure le nuove leve nascondono sempre la sorpresina che ti lascia il sorriso stampato in faccia!Ma bando ai miei blandi deliri puristi, passiamo al dunque. Allora, la california (ed i Lagwagon) si sente tutta in questo "The Catarct Composite", le melodie sono ben strutturate e non sono quelle tipiche della zona che si prestano ad un pogo violento gia dal secondo accordo,ma danno una struttura ben definita alla canzone che ti trascina senza nemmeno rendersene conto,sarà che personalmente il melodic hc californiano piace ma non riesco a trovare grossi difetti in questa band. Le uniche pecche,forse, sono la voce a tratti troppo smielata e i testi amorosi troppo amorosi appunto...Dunque un ottimo lavoro,che permetterà alla band di arrivare al grande pubblico se promosso con i dovuti mezzi, e si spera che una volta arrivati sulla vetta non si lascino corrompere dal facile conio diventando così i nuovi Yellowcard...glielo auguro perchè di altra musica spazzatura non ne abbiamo bisogno. Si spera in una seconda prova su etichetta perchè lo meritano questi ragazzi,lo meritano molto.

Pinolo HC


Tracklist:

01. They're Coming to Get You Barbara
02. Kids
03. A Grand Occasion to Drink Myself to Sleep
04. Toluca Lake
05. When Earth Became Sky
06. We're Never Going to Find Them
07. Red Tide
08. Haddonfield
09. Runners
10. Thirteen Thirteen

Download

Dalla Ciociaria con furore!

Posted: lunedì 13 settembre 2010 by Lou Cipher in Etichette: , ,
0

Eccomi qui stasera ad innaugurare il primo (di una serie ahimè non troppo lunga) di post dedicati alla scena della mia città, Frosinone. E si, anche in ciociaria abbiamo delle band spacca culi (anche se non proprio tutte è) e anche qui è arrivata un pò di musica decente,con gente che non si limita a fare la solita coverband dei Deep Purple o dei Led Zeppelin o magari dei Blink 182...No, i ciociari iniziano a svegliarsi e a darsi da fare finalmente. Stasera vi presentarvi due delle band che seguo con maggior attenzione che sono i "Fall To Reborn" ed i "Mechanima". Ma andiamo con ordine.

I primi (Fall To Reborn o FTR) sono nati due anni fà dalle ceneri di svariati gruppi, e suonano un metalcore melodico che si rifà molto ai Kilswitch Engage e band simili, e in questo poco tempo sono cresciuti molto (li ho seguiti personalmente in sala prove) ed hanno raggiunti livelli altissimi cominciando a suonare anche fuori dalla provincia di Frosinone. Hanno sfornato un promo di tre pezzi che è possibile comprare ai loro concerti o ascoltare sul loro myspace,grazie al quale hanno ottenuto una discreta visibilità tanto da apparire sulla compilation "Kill City Vol. 16" dell'etichetta americana (di Hollywood) "272 RECORDS" (la compilation si può comprare chiedendo alla band) che trasmette il loro cavallo di battaglia "Zero" nelle radio dei college in alta rotazione,tanto da essere stata prima nelle classifiche di ascolto per una settimana. Quindi ve li consiglio vivamente.

per ulteriori informazioni vi lascio il link del myspace:
http://www.myspace.com/falltoreborn

ed il link della "272 Records" per la compilation:
http://www.272records.com/272_Records/Kill_City_Vol_16.html



I Mechanima invece sono l'essatto opposto. Loro sono veramente incazzati e incazzosi, come amano definirsi loro sono delle "War Machine"...si muovono tra Deathcore, Death Metal e Swedish,con sonorità tanto cupe quanto violente, ma che non disdegnano ogni tanto ad aperture melodiche.Si sono formati nel 2007 ed hanno sfornato un EP di 8 pezzi che fa spavento, e con cui si sono aperti la strada a migliaia di serate in tutta Italia, riuscendo ad aprire una sera ad un gruppo della "Relapse Records" (non ricordo il nome della band), quindi i ragazzi ci sanno fare e di brutto pure,dimostrando che la musica non è solo la seratina al localino,ma anche passione e sacrificio. Al momento stanno lavorando al primo disco che uscirà si spera molto presto, e che attendo con ansia.

anche qui lascio link per il loro myspace per avere maggiori informazioni: http://www.myspace.com/mechanima

per il momento godetevi queste due grandi band! A breve altri report sulla scena ciociara!!!

Stay Tuned!!!

Pinolo HC

Misfits live 19/09/2010 Roma

Posted: domenica 12 settembre 2010 by Lou Cipher in Etichette:
0


Torna in italia la band di culto che ha calcato i palchi di tutto il mondo per oltre 30 anni: i Misfits!!La band capitanata da Jerry Only si esibirà il 19 di questo mese a Roma, più precisamente all'Alpheus, quindi ci sarà da divertirsi!Io personalmente ci sarò (datosi che questa è la band sui cui ho basato la mia intera esistenza praticamente) e cercherò di fornire un piccolo report su questo concerto. Quindi non mancate se non sapevate nulla di questa data, anche perchè presenteranno un paio di pezzi nuovi che andranno a far parte del nuovo album che la band ci ha promesso ormai più di qualche anno fà (si parla del 2005) e che presto uscirà per Misfits Recors.

Colgo l'occasione e mi rivolgo a tutti i lettori italiani (occasionali e non) per lanciare una annuncio: stò tentando di far conoscere questo spazio per farlo diventare più grande e per renderlo il più accessibile possibile a tutti,quindi chiunque leggesse e avesse voglia di darmi una mano con report di concerti, con la segnalazione di band delle vostre città disponibili a collaborare con questo spazio e ad essere supportate, o con la stesura di recensioni dei dischi da voi o da me segnalati non fatevi problemi a contattarmi,la mia mail la trovate nella home, scrivete tutto li e l'aiuto che intendete dare se ve la sentite!

Grazie in anticipo e STAY HARDCORE!

Pinolo HC



New Lay Out!!!

Posted: by Lou Cipher in
0

Finalmente dopo mesi di ricerca sono riuscito a trovare una skin decente per il mio blog!Ora con una nuova veste grafica, e un pò di pulizia qua e la finalmente si riparte alla grande!

Stay Tuned!!!

Pinolo HC

Danzig - Deth Red Sabaoth [2010]

Posted: martedì 7 settembre 2010 by Lou Cipher in Etichette: , , , ,
0

Genere: Death Rock, Hard Rock, Metal, Horror
http://www.myspace.com/danzig


Finalmente sono riusciuto a mettere le mani sul disco di uno dei miei miti di sempre insieme ai Misfits che furono, il buon vecchio caro Danzig. Ci tengo a sottolineare che, anche essendo fan accanito di Misfits, Samhain e dei suoi lavori solisti (praticamente ho un santuario in casa) cercherò di essere il più imparziale possibile. Allora, pare che il nostro eroe sia uscito dal periodo di crisi in cui la sua carriera musicale pareva essersi conclusa, dopo l'assurdo "Circle Of Snake" che ho volutamente rimuovere dai miei ricordi perchè mostrava una stanchezza artistico/fisico/mentale spaventosa (basti ascoltare il suddetto disco che a primo impatto si può notare subito come fosse spompato e senza fiato non riuscendo nemmeno a cantare,o che i pezzi sembravano arrangiati da una motosega arruginita anzichè una chitarra elettrica) Danzig è tornato con il nuovo lavoro intitolato "Deth Red Sabaoth"e, vi assicuro, è tornato in grande stile. Abbandonate le sperimentazioni "techno-noise" che potevamo notare qui e là da "IV - Vorschau" in poi, Glenn è tornato alle origini, riallacciando il suo nuovo lavoro a quelli che furono i primi 3 album leggendari della sua carriera solista. E si, si ha un ritorno a quel metal venato di hard rock e blues fuso nella miscela che solo lui riesce a creare, il tutto contornato dalle immancambili tinte oscure ed horror che lo contraddistinguono dai tempi dei Misfits. Un lavoro ottimo, che anche non contenendo idee non proprio nuove (ndr. si sta ritornando al passato in determinati generi, e mi domando: sarà forse perchè una grande fetta delle band di oggi copia e lo fa anche male dando vita a generi talmente pessimi da non essere nemmeno classificabili?mistero...) che segna il ritorno di uno dei big della scena. Ci sono delle vere e proprie perle in questo disco, e la prima tra tutte è il brano "Deth Red Moon" un pezzo che si muove tra tinte buie e melodiche delle chitarre e del cantato, un bel pezzo "d'amore" (se così si può definire) che non mi vergognerei a definire capolavoro.Subito dopo segue la blueseggiante "On A Wicked Night" che inizia come una carezza per poi esplodere tutto insieme, mentre brani come "Hammer Of The Gods" o "Black Candy"(che si insinua nelle orecchie di chi ascolta come un entita che ti possiede con un stacco di basso ben inserito) ma anche "Rebel Spirits" o "Night Star Hel" si muovono tra metal cazzuto ed hard rock massiccio e potente. Insomma un disco da divorare, ascoltare e riascoltare fino a farsi sanguinare le orecchie, che non lascia deluso chi è fan da più da qualche tempo e che può far avvicinare a questo grande artista nuovi ascoltatori. Per me, disco dell'anno e questo basta.


Tracklist


01. Hammer of the Gods
02. The Revengeful
03. Rebel Spirits
04. Black Candy
05. On a Wicked Night
06. Deth Red Moon
07. Ju Ju Bone
08. Night Star Hel
09. Pyre of Souls: Incanticle
10. Pyre of Souls: Seasons of Pain
11. Left Hand Rise Above

Download

Enemy Logic - Breakdown of the Bicameral Mind [2010]

Posted: lunedì 6 settembre 2010 by Lou Cipher in Etichette: ,
0


Genere: Melodic Metalcore
http://www.myspace.com/enemylogic


L’Irlanda non è solo il luogo dove nascono folletti, troll, orchetti e fatine che nascondono pentole ricolme d’oro all’inizio di un arcobaleno, e nemmeno di birra scura al doppio malto, di flauti e di sbronze con rissa annessa,ma è anche patria di generi musicali che anche se lentamente stanno prendendo piede in Europa come nel resto del mondo, basti pensare al “neonato” Irish Punk o al Folk Metal, tutti generi che, se non sono nati nei confini nazionali,hanno comunque tratto il loro spunto musicale dalle radici folk tipiche di queste zone (per citare almeno un paio di gruppi direi i Flogging Molly o Korpi Klaani), ma non è nemmeno solamente questo. C’è una fervente scena metal “canonico” e non,con gruppi più che validi come ad esempio gli Enemy Logic che presentiamo quest’oggi. E si ,questo combo di giovani si propone con un metalcore melodico di ultima generazione che tanto va di moda oggi, ma con spunti e richiami a quello che è il prog e il death metal. Questo disco è un bel lavoro, scorre veloce e potente con bei riff e la voce graffiante e potente del cantante non si presta a cali di prestazioni (come succede a buona parte dei gruppi al giorno d’oggi),ottime calvacate e chiari richiami a band maestre del genere come Killswitch Engage. Le melodie sono ben strutturate e non c’è spazio a compromessi, il punto di forza di questa band è che non si vende al semplicistico cantato pulito o a intermezzi post-hardcore in voga negli ultimi 2 anni, e quindi a mio PERSONALISSIMO parere la scelta migliore che una band possa fare,non sputtanarsi per piacere a qualche ragazza in più o per far piacere a qualche major. Rimane la pecca che non si ascolta qualcosa di nuovo o di innovativo, la scena metalcore inizia a ristagnare,c’è bisogno di nuove idee,nuovi spunti senza sfociare in aberrazioni musicali quali il nintendocore. Quindi chi ascolterà questo album non rimarrà deluso ma nemmeno troppo colpito… Alla fine dei giochi,un conto è suonare metalcore ,e un conto è suonare metalcore con le palle! E gli Enemy Logic di palle ne hanno, sta a loro nella prossima prova discografica tirarle fuori per bene e dimostrare che possono stare in mezzo ai big senza sfigurare.

Ascolto d’obbligo “Fall Of The Sun”.


Tracklist

01. The Iron Law

02. Final Movement

03. Heart of Stone

04. The Savage Mind

05. Distorted Process

06. Dual Diagnosis

07. Fall of the Sun

08. Hostile Hallucination

09. Vengeance Served Cold

10.Endless Life


Download



To Kill - Antarctica [2010]

Posted: domenica 5 settembre 2010 by Lou Cipher in Etichette: , ,
0

Genere: Hardcore, Metal, Italian Hardcore
http://www.myspace.com/tokill

Altro capitolo hardcore nostrano (altri romani de roma), e questa volta parliamo dei To Kill e del loro ultimo album...ultimo in tutti i sensi datosi che, dopo la tournè di supporto all'album,la band si scioglierà per seguire le ormai tanto celebrrime "aspirazioni personali" lasciandoci così a bocca asciutta proprio nel momento del loro massimo splendore, e in cui la scena italiana cominciava a darsi una svegliata.
Ma vabè, ad ognuno il suo,le scelte non si discutono,gli album si...

Allora,che dire...il suono dell'album è il classico dei To Kill,massiccio e potente che non lascia scampo e mozza il fiato, tutto sommato anche un bel disco se guardato nel complesso con calvacate di batteria violente,riff taglienti e spacca culi come al solito,cattiveria immutata, ma qualcosa non quadra. Sarà che essendo rimasto impressionato dai precedenti lavori quali "Maelstrom" o "When Blood Turns Into Stone" mi aspettavo quel qualcosa in più, ma sono rimasto con un pò di amaro in bocca. Vuoi che rispetto agli altri album questo sia quello con la registrazione piu carente, e quando dico questo intendo che non si sta ascoltando una demo registrata da bambinetti alle prime armi,ma se messa a paragone con maelstrom si sente la differenza,vuoi che non sia particolarmente ispirato con pochi spunti al rinnovo del sound,vuoi la stanchezza dopo anni macinati in tour a infuocare i palchi si fa sentire, questo disco non mi convince...ed è per questo che forse è meglio stopparsi ora prima d un passo falso. MA (c'è sempre un ma) non è tutto da buttare,infatti vengo ripresentati due dei brani presenti in "Maelstrom" quali "Heretic" e "The Flight Of The Locust" che sono dei gran bei pezzi da moshing violento,contornati (e cito quelli che spiccano su tutti solamente) da brani come la title track "Antarctica" o "Clouds", e la sorprendente e spettacolare "Legacy" che inizia come un calcio in bocca lasciando chi ascolta completamente stordito... Insomma un disco che non splende ma che nemmeno delude,proprio quello che non dovrebbe fare una band in fase terminale di carriera, ma che comunque accontenta tutti senza strafalcioni o cadute di stile.

Tracklist:

01. I
02. The Flight Of The Locust
03. Clouds
04. Paralysis
05. Legacy
06. Witness
07.Timeless
08. II
09. Antarctica
10. Sundown
11. Sparks
12. Heretic
13. III

Strength Approach - Stand Your Ground EP [2010]

Posted: by Lou Cipher in Etichette: , , ,
0

Genere: Hardcore, Old School Hardcore
http://www.myspace.com/strengthapproach


Ed eccoci qui,dopo una pausa dovuta a cause di forza maggiore, a presentare l'ultima fatica dei nostrani (romani de roma) Strength Approach. Dopo il loro ultimo e ottimo lavoro "All The Plans We Made Are Going To Fail" che ha segnato la dipartita del chitarrista storico della band (di cui ora mi sfugge il nome) la band ci presenta un EP che precede l'album di prossima uscita "With Or Withou You" e devo dire che, francamente dopo gli avvicendamenti nella linup pensavo che i cambiamenti ci sarebbero si stati, ma in peggio. Cazzo mi sono dovuto ricredere! Il cambiamento ha portato ulteriore aria fresca alla band che ha evoluto il suo sound in qualcosa di più energico,massiccio e granitico, un sound che si distacca dalla sonorità classiche dell'hc old school melodico di matrice californiano/italiana, per abbracciare quella vena grezza e metallica propria della scuola newyorkese e in cui si sentono echi di band come Sick Of It All, Agnostic Front, Mad Ball e via dicendo...Quattro pezzi incazzati in cui la band non preme come ai vecchi tempi solo e solamente sull'accelleratore,ma da spazio a break in cui dimostra la "contaminazione" (se così la possiamo chiamare) delle band sopra citate con pezzi piu lenti ed elaborati. Su tutti la track n. 1 "Waste Of Life".Una nota di merito,oltre che alla maturità musicale,va anche a quella del song writing decisamente più duro e incazzato e in determinati profondamente ricercato. Insomma, un EP tutto da gustare e godersi (nella mia play list è in alta rotazione da mesi ormai) in attesa del full lenght, e se le premesse sono queste l'attesa sarà ampiamente ripagata!!!

Pinolo HC

Tracklist:

01. Waste Of Life
02. The Living Proof
03. Reality Call
04. Stand Your Ground